GRASSO VISCERALE IV


L'eccesso di grasso addominale è in diretto rapporto con la circonferenza della vita. In particolare, il rischio cardiovascolare diventa clinicamente rilevante quando si raggiungono i valori soglia di 102 cm di circonferenza a livello ombelicale nell'uomo e 88 cm nella donna.

E’ stato dimostrato che l'elevato flusso di acidi grassi, provenienti dagli adipociti viscerali e diretti al fegato, aumenta la produzione di colesterolo cattivo, che predispongono al processo ateromatoso (formazione di placche all’interno dei vasi sanguigni).

Favorisce inoltre l’instaurarsi di insulino resistenza, cioè l’insulina fa più fatica a svolgere il suo compito, che è quello di mantenere basso il livello di glucosio nel sangue.

L'insulino-resistenza e l'iperinsulinemia sono responsabili di tutte quelle alterazioni del metabolismo del glucosio che spaziano dall'alterata glicemia a digiuno, alla ridotta tolleranza al glucosio, fino al diabete conclamato. Queste alterazioni, unitamente a quelle altrettanto negative sul metabolismo lipidico, rendono ragione del maggior rischio cardiovascolare del soggetto con obesità viscerale rispetto al normopeso

Post Recenti 
Ricerca per Termini
  • Facebook Basic Square
Segui