GLI ALIMENTI MIGLIORI PER IL NOSTRO CERVELLO

Per avere un cervello più sano ed efficiente, vero e proprio centro direzionale del nostro corpo, serve il giusto riposo, ma anche un’alimentazione attenta ed equilibrata. Che in natura trova i suoi migliori alleati. In effetti, la qualità dei cibi che assumiamo influisce sulla nostra mente in modo fondamentale: il cervello, che rappresenta il 2% del nostro peso corporeo, consuma circa il 20% delle calorie che ingeriamo ogni giorno. Seguire poche regole potrebbe dunque aiutarci ad alimentare correttamente il nostro cervello, affinché “funzioni” al meglio delle sue possibilità.Frutta e verdura vengono al primo posto: come ha insegnato simpaticamente il celebre cartone animato Popeye, per esempio, gli SPINACI non solo infondono energia ai muscoli, ma preservano le cellule nervose dagli effetti dell’invecchiamento. Completi di sali minerali, gli spinaci contengono soprattutto la vitamina K, ottimo supporto per la coagulazione del sangue in caso di ferite.Il licopene contenuto nei POMODORI e nell’ANGURIA, invece, ottimizza le funzioni cerebrali, a cominciare dalla conservazione dei ricordi. Si consiglia dunque un consumo quotidiano di pomodori, ma anche di TÈ: bere due o più tazze di té al giorno attiva maggiori difese contro l’insorgere del morbo di Parkinson.Meglio scegliere il té verde, poichè contiene potenti antiossidanti che riducono il rischio di coaguli di sangue e proteggono dai radicali liberi. Un prezioso alleato, in tal direzione, è rappresentano poi dal resveratrolo, contenuto nell’UVA, nel SUCCO D’UVA e nel VINO ROSSO.Consigliato, per il benessere del cervello, è anche il consumo frequente dei MIRTILLI, frutti di bosco ricchi di proantocianidine, sostanze nutritive che proteggono il cervello dall’effetto delle tossine ambientali e sono in grado di diminuire l’attività dei radicali liberi. Le proantocianidine aiutano anche in caso di perdita di memoria o declino delle abilità motorie.I mirtilli, inoltre, hanno azione antinfiammatoria, come salmone selvatico, noci, semi di lino e semi di canapa, che grazie agli ACIDI GRASSI OMEGA 3 aiutano a ridurre le infiammazioni e sostenere le funzioni celebrali.Questi grassi buoni aiutano a: migliorare la cognizione, ridurre il rischio di malattie mentali degenerative (compresa la demenza), favoriscono la memoria, migliorano l’umore, riducono la depressione, l’ansia e iperattività (degli acidi grassi poliinsaturi avremo modo di parlare approfonditamente)Per le persone che non mangiano salmone esistono altre fonti per recuperare i grassi omega-3: come la lattuga, i cetrioli, i cavoli, l’ananas, ecc . Si rende utilissima l’integrazione con olio di pesce, cioè con integratori di omega 3 sotto forma di olio distillato confezionato in capsule (che ha tantissimi altri apporti).I SEMI contengono una grande quantità di proteine​​, grassi buoni e vitamina E, utile per combattere lo stress. I semi inoltre sono anche importanti per la presenza di antiossidanti e minerali ambiti dal cervello quale il magnesio. In natura esistono numerosi semi che possono essere consumati, i più noti sono: semi di girasole, semi di sesamo, semi di lino, semi di canapa e zucca, per citarne solo alcuni tra i più diffusi.Secondo la dottoressa Rosemarie Booze, insieme a un team di ricercatori dell’Università del South Carolina (USA) anche la LIQUIRIZIA conterrebbe una sostanza chiamata liquiritigenina in grado di apportare benefici positivi al funzionamento del cervello oltre al preservare la nostra mente dal rischio di contrarre malattie neuronali.Tra gli alimenti con proprietà antinfiammatorie, una menzione speciale merita la CURCUMA, spezia di origine orientale, che annovera diverse virtù oltre alle citate proprietà antinfiammatorie: contrasta l’aterosclerosi e si è dimostrata un efficace aiuto nella prevenzione dell’Alzheimer.Infine, una bella sorpresa: il CIOCCOLATO – di cui più di uno di voi sarà ghiotto – ha un blando effetto antinvecchiamento e antiossidante, grazie alla presenza dei fenoli, i quali hanno un ruolo importante nel contrastare i radicali liberi e contribuiscono a un effetto anti-età anche della pelle ma soprattutto contrastano le malattie cardiovascolari, ictus e arteriosclerosi.Attenzione!: il cioccolato deve essere consumato in quantità superiori all’85% di pasta di cacao, altrimenti mangiamo solo latte e zucchero, come abbiamo già detto più volte…MENO CALORIE per un cervello più giovane: seguire una giusta e corretta alimentazione, riducendo le calorie a tavola, fa bene non solo al nostro corpo e alla nostra salute, ma anche al nostro cervello, poichè lo aiutiamo a “ringiovanire”.(riadattato dal sito greengeneration.it)

Post Recenti 
Ricerca per Termini
  • Facebook Basic Square
Segui